MUSICLAB PEOPLE: MARTHA

da | Mar 15, 2022 | Blog

Qualche settimana fa abbiamo fatto due parole con Martha, un vero perno di Musiclab ormai da circa due anni. Le abbiamo rivolto qualche domanda per dare modo a tutti di conoscerla meglio e di conoscere più nel dettaglio il suo lavoro in struttura.

Buona lettura!

Martha da ex allieva a staff della scuoladi formazione del MusicLab

Ciao Martha, di cosa ti occupi in Musiclab e da quanto fai parte della “family”?

Sono entrata a far parte della family da un anno e mezzo dopo aver frequentato il corso diurno finanziato di tecnico audio e luci per lo spettacolo. Mi occupo della segreteria, un po’ di amministrazione e in generale sono il punto di collegamento tra gli allievi dei corsi e la direzione. 

Sei un’ex-allieva. Com’è stato passare dall’altra parte?

Come allieva la mia esperienza è stata bellissima e passare dall’altra parte del tavolo lo è ancor di più! Lavorare in un ambiente sereno e con super professionisti del settore tutti giorni è estremamente stimolante e mi ha permesso di unire le mie due nature: l’artista che sta sul palco e la tecnica che c’è dietro.  

Hai conosciuto Musiclab sicuramente grazie a una forte passione per la musica. Lavorare in questo campo ha cambiato o sta cambiando il tuo rapporto con le tue passioni?

Ho conosciuto il MusicLab grazie al mio compagno, che ha frequentato il corso da tecnico del suono alcuni anni fa. Ero in un momento di crisi: stavo continuando a formarmi nel canto e nella danza, ma allo stesso tempo ero iscritta al Dams, che però non mi stava dando quello che cercavo. Ero bloccata, avevo bisogno di una svolta! Negli spettacoli che facevamo con la compagnia ero sempre coinvolta anche nella realizzazione, aiutavo la regista, la coreografa, e negli ultimi tempi mi stavo avvicinando sempre di più anche alla parte tecnica ed era una cosa che mi faceva stare bene, a volte più che stare sul palco. Quindi ho deciso di tentare il test d’ingresso per il corso… e direi che è andata più che bene!!

Sei entrata in Musiclab forse nel momento peggiore di sempre, all’inizio della pandemia. Difficile ma anche formativo. Come vedi i prossimi mesi e come stanno andando le cose?

Si purtroppo durante l’anno di corso è scoppiata la pandemia. Sarei dovuta andare a Milano al Teatro Elfo a fare lo stage, ed ero “moooolto” felice ed emozionata. Poi il lockdown ha bloccato tutto ed è tornata l’ansia per il futuro. Mi stavo formando in un ambito che sarebbe stato fermo poi per due anni e in quel momento non sapevo davvero che cosa avrei fatto. Poi è arrivata la chiamata di Alessandro ed eccoci qui!

Martha sul palco cantando
Martha sul palco

Hai un progetto musicale/canoro fantastico che si chiama “3chic”. Come nasce l’idea di questa band e cosa avete in programma?

Le “3chic” sono nate alcuni anni fa in realtà per caso. Stavamo imbastendo uno spettacolo di Natale e dovevamo fare un pezzo a tre voci. Io e Cristina eravamo allieve della scuola e insieme a Marinella, la direttrice abbiamo montato questo quadro. Le nostre voci si sono unite subito ed è nata così la volontà di continuare a sentire questo bellissimo impasto vocale: siamo tre cantanti completamente diverse e che vengono da mondi ed esperienze diverse, ma è proprio questo il punto di forza! La nostra diversità che si unisce in un unica voce, con sfumature che si accordano in un impasto di frequenze molto caratteristico! Dopodiché ha iniziato ad accompagnarci Riccardo, il nostro chitarrista, in acustico, e poi abbiamo trovato una band che ci accompagna nelle serate o nei concerti più grossi. Ovviamente, come tutti, in pandemia c’è stato un duro stop, ma adesso stiamo riprendendo e, non posso ancora dire niente, ma forse ci saranno delle belle novità per il futuro!! 

sessione in studio di registrazione a torino band ensemble 9
Sala di regia dello studio di registrazione del Musiclab

In cosa può migliorare Musiclab e in cosa invece rappresenta l’eccellenza secondo te?

Il MusicLab è un centro di eccellenza. Fra i tanti punti di forza che ha, come il corpo docenti iper competente, una struttura bellissima con lo tante postazioni diverse dove i futuri tecnici possono fare pratica, ha anche la possibilità di  fare delle lezioni nel Teatro e nella Sala concerti “Combo” della Suoneria. Questo perché ha una mira verso tutto ciò che è live molto distinta e netta, soprattutto per i corsi diurni finanziati, nei quali l’obbiettivo è formare tecnici per il mondo del lavoro, ed è innegabile che con il Live si lavori di più e in molto ambiti diversi. Per quanto riguarda le migliorie da fare, ogni anno i ragazzi compilano delle schede di valutazione che noi prendiamo sempre in grande considerazione per migliorarci di anno in anno. 

Cosa consiglieresti a chi sta valutando di iniziare un percorso di formazione professionale ma rimane ancora indeciso, anche per le grandi difficoltà del settore nell’ultimo biennio.

Io consiglio di tentare sempre, non sai mai cosa ti riserva la vita! I corsi di formazione professionale, essendo mirati e specifici possono davvero darti l’opportunità di entrare nel giro di un solo anno nel mondo del lavoro. E’ vero che il settore ha avuto una grande batosta a causa della pandemia, ma è anche altrettanto vero che ora si sta ripartendo alla grande e si sono liberati molti posti. Ovviamente è un percorso che va affrontato con serietà e dedizione, avendo una selezione all’ingresso, se si cambia idea a metà percorso o non lo si affronta in un certo modo, è uno spreco incredibile! C’è molto da studiare, devi essere sempre in costante aggiornamento e devi anche essere un po’ imprenditore di te stesso, ma le soddisfazioni sono anche altrettanto grandi! 

Grazie Martha! Ci vediamo in Musiclab!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BLOG

IL MESTIERE DEL DJ • La nascita del CDJ

IL MESTIERE DEL DJ • La nascita del CDJ

Siamo negli anni settanta, un decennio che nell’immaginario collettivo non sa esattamente di digitale. Oggi se ripensiamo a quel tempo ci tornano alla mente gli hippie, la guerra in Vietnam, il terrorismo nel nostro paese, e in musica la fine dei Beatles, la nascita...

Come costruirsi i propri pannelli fonoassorbenti da parete

Come costruirsi i propri pannelli fonoassorbenti da parete

Costruiamo i nostri pannelli acustici La diffusione di tecnologie digitali sempre migliori e alla portata di tutte le tasche ha portato un numero crescente di produttori, musicisti e fonici emergenti a produrre la propria musica tra le mura domestiche. Il numero di...