Mix e Mastering On-Line

Mixing

Le singole tracce devono essere inviate come audio files .wav o .aif.; vanno consolidate ed esportate in sincrono, devono quindi partire tutte dallo stesso punto, ovvero l'inizio della sessione.

Le tracce non devono essere normalizzate e devono rispettare il loro formato e risoluzione originale (mono/stereo, bit rate, frequenza di campionamento), la risoluzione da noi consigliata è: 24bit / 44.1 Khz. Accettiamo però anche altre risoluzioni su accordo telefonico con il fonico. Consigliamo l'invio di un file di testo contenente eventuali richieste o particolarità desiderate e il bpm di ogni brano; è preferibile che il testo sia ben dettagliato.

Inoltre è possibile accettare intere sessioni di Pro Tools, alla condizione che non siano inseriti plug-in sulle tracce.

Gli effetti utilizzati, nel caso sia presente un premix , vanno esportati su tracce audio separate, a meno che non siano parte integrante del suono stesso (questo vale soprattutto per i progetti di musica elettronica). In ogni caso gli effetti utilizzati in modalità send/return devono essere esportati separatamente. Insieme alle tracce separate devono essere inviati: un mix di riferimento per ogni brano; uno o più dischi/cd di riferimento per capire la direzione di sound preferita; ciò servirà al fonico come traccia guida.

Mastering

Le tracce per il mastering vanno esportate mantenendo la risoluzione usata nel mix, meglio utilizzare bit rate non inferiori a 24, esempio 24bit/44.1Khz, 24bit/88.2Khz.

Durante la fase di mix non utilizzare plug-in per massimizzare il master, ciò sarà fatto durante la fase di mastering. Assicurarsi quindi che il picco massimo del mix sia tra i -6 dBFS e i -3 dBFS, in modo da lasciare "spazio" al mastering engineer per trattare a modo le compressioni. Nel caso in cui il mix suoni già forte e superi i picchi consigliati, non intervenire sul master, piuttosto riequilibrare il mix in modo da avere una somma ottimale per il master che stia sui valori di picco consigliati.

Assicurarsi in fase di mix che non ci siano picchi in distorsione sulle singole tracce (clip di colore rosso); se presenti, intervenire sulle tracce distorte.

Inviare un file di testo che contenga eventuali richieste, bpm dei brani ed eventuale tracking list con l'ordine dei brani. Insieme alle tracce da masterizzare potrà essere inviato un disco/cd di riferimento che servirà come guida al mastering engineer per capire la direzione di sound preferita.

 

Richiesta info

  • Vai al modulo on-line per richiedere informazioni su preventivi e servizi...
MusicLab: info